16 febbraio 2017 - 13:44

IL GOVERNO HA RESPINTO
LA NOSTRA PROPOSTA DI LEGGE.
L'ULTIMA PAROLA VA ORA AI GIUDICI!!

Gentili Signore/i,

vi informo che purtroppo il Governo non ha voluto inserire la nostra proposta di legge nel corpo del maxiemendamento al disegno di legge sulla conversione in legge del decreto mille proroghe. La senatrice CirinnÓ mi ha fatto capire che c'Ŕ una volontÓ politica dell'attuale maggioranza di governo che Ŕ tuttora contraria alla reviviscenza delle graduatorie dei concorsi interni.

A questo punto la parola decisiva spetterÓ ai giudici. Ricordo che per i vigili urbani di Roma, idonei per il passaggio da C a D, siamo giÓ giunti in Cassazione, dopo 2 gradi di giudizio in cui abbiamo vinto noi. Inoltre molti giudici della Cassazione sembrano propensi, contrariamente a quelli del Consiglio di Stato, a considerare le vostre graduatorie riconducibili al concetto di "concorsi pubblici" ex art. 35 del testo unico sul pubblico impiego.

Ancora una volta assistiamo all'arroganza e alla inciviltÓ di questa attuale maggioranza politica. Durante la pendenza dei ricorsi riprender˛ il dialogo con il Movimento 5 Stelle, affinchŔ approfondisca la questione e possa inserire anche il vostro problema nell'agenda dei temi da opporre all'attuale maggioranza. Entro un anno Ŕ certo che si vota, e vi assicuro che il PD sarÓ boicottato da me e da tanti altri elettori. Dobbiamo cambiare la maggioranza che governerÓ in futuro il paese, questi attuali sono ignoranti e prepotenti.
Un grazie di cuore alla Senatrice CirinnÓ, che vi assicuro si Ŕ battuta, ma purtroppo ha dovuto soccombere dinanzi ad una volontÓ maggioritaria dissenziente del suo partito di appartenenza. Vi assicuro che continuer˛ la mia battaglia politica interpellando i 5 stelle, a cominciare da quelli che governano la cittÓ di Roma, che potrebbero quanto meno fare qualcosa per le graduatorie interne al comune di Roma.
Cordiali saluti.

Avv. Giuseppe Pio Torcicollo

 

CHIUSURA COMUNICAZIONE